Il primo ballerino di strada di Roma: “Dani il brasiliano” La storia di un artista di strada nella Roma di 40 anni fa

FacebookTwitterGoogleTumblrLinkedInPinterest


“Non era facile per me, come immigrato e come omosessuale, nell’Italia degli anni ’70, ma c’era la mia foto sui cartelloni pubblicitari, stavo per essere un attore vero”.

Dani è un ballerino di strada brasiliano. In questo video racconta i ricordi della vita trascorsa a Roma negli anni ’70. Ballava per strada. in piazza Navona, per racimolare qualche soldo per vivere.

“Erano tempi difficili. Mettevo il mio cappello a terra e iniziavo a ballare, dicendo ai passanti che ero un artista sudamericano, un figlio degli dei. In questo modo mi potevo permettere una pagnotta di pane, acqua e un po’ di zucchero”.

Ora vive in Portogallo, dopo una vita intera dedicata all’arte e alla danza, una vita trascorsa rendendo felici le persone attorno a lui.

COS’È TERMINITV

Vecchie stazioni, binari abbandonati, viaggiatori e senzatetto, migranti e residenti, TerminiTV da due anni racconta il non luogo” (atopos) legato a simili luoghi di transito, a partire da Termini, ma esplorando anche altre stazioni. Sono oltre 300 i video realizzati, fruibili sia da un pubblico italiano che internazionale.

Le stazioni e i binari, specialmente quelli delle province generalmente più dimenticate, sono il teatro in cui la storia delle migrazioni scorre tanto velocemente che si fa fatica a registrarla, appiattiti come troppo spesso siamo sullattualità e la notizia.

Sostieni la campagna “Refugee Tracks” promossa da TerminiTV 


Redazione