Gli abusi dei trafficanti sui Rohingya in fuga

Nel documentario “Bodies for sale”, la giornalista investigativa Mahi Ramakrishnan racconta gli abusi (sessuali e non) che uomini e donne Rohingya subiscono per mano dei trafficanti nel viaggio dalla persecuzione in Birmania alla speranza della Malesia, passando per la Tailandia. Mahi Ramakrishnan è una documentarista indipendente di base a Kuala Lumpur, in Malesia. Giornalista da oltre vent’anni, si occupa preminentemente di traffico umano e rifugiati.

Ma la sua connessione con i Rohingya non è dovuta soltanto alla professione che svolge: anche sua nonna appartiene a questo popolo. E proprio scoprendo le proprie radici Mahi è venuta a conoscere la sofferenza di questa minoranza.

“È stata una vera storia d’amore. Mia nonna, Rohingya, in Birmania conobbe mio nonno, all’epoca arruolato nell’esercito coloniale anglo-indiano. Si sono innamorati subito e si sono trasferiti in Malesia. Mia madre è nata qui”, ha commentato Mahi Ramakrishnan.

La persecuzione dei Rohingya in Birmania si è inasprita dal colpo di stato del 1962. Il governo militare impose loro restrizioni sul movimento, sulla proprietà e sul matrimonio, arrivando al divieto di avere più di due figli. Nel 1982 è stata loro revocata la cittadinanza, ed ora vivono da apolidi nel loro paese.

In molti cercano di fuggire da queste sofferenze affrontando i pericoli del mare nella speranza di raggiungere i paesi vicini, tra cui Malesia e Tailandia. I trafficanti chiedono fino a 2000 dollari, e chi non può pagare viene violentato o reso schiavo.

In Malesia vivono circa 40mila Rohingya, molti dei quali non possono cercare lavoro perché richiedenti asilo o rifugiati . E questo li espone a sfruttatori vari, disposti ad assumerli in nero.